Coltivare e cucinare gli spinaci è facile: sono leggeri e saporiti, ideali per l’orto invernale e primaverile, preziosi per restare in forma e per portare in tavola ricette squisite.


Originari della Persia, in Europa gli spinaci vennero scoperti nel Medioevo, come testimoniano i preziosi erbari dell’epoca. Gli arabi li consideravano tra le verdure più preziose dell’orto e nel Cinquecento, a Firenze venivano coltivati negli orti delle suore Benedettine. Si racconta che Caterina de’ Medici ne era a tal punto golosa che, quando lasciò Firenze per diventare regina di Francia, portò con sé un cuoco capace di cucinarli. Oggi sono tra gli ortaggi più diffusi in tutti i continenti.

Un ortaggio ideale in inverno e primavera
Per la brevità del ciclo produttivo e la tolleranza al freddo, lo spinacio si presta bene all’orto familiare; gli spinaci possono essere seminati in serra o sotto tunnel non appena il clima si fa più mite e il rischio di gelate intense è raro.
Si raccolgono quando le foglie sono giovani e tenere ed è facile coltivare gli spinaci anche in vasi e ciotole.

Versatile in cucina
Gli spinaci vanno raccolti e consumati oppure acquistati freschissimi, controllando che le foglie abbiano colore brillante e che la consistenza sia soda e non molle. Non si conservano a lungo: possono essere riposti in frigo per non più di due o tre giorni. La conservazione, tuttavia, fa perdere croccantezza e sapore, oltre che molte proprietà nutritive: dopo un solo giorno, infatti, perdono parte della vitamina C (fino al 50% se conservati fuori frigo). Si possono surgelare per conservare meglio le loro proprietà nutritive.
Poco calorici e facilmente digeribili, versatili come pochi altri ortaggi, gli spinaci si prestano a tantissime preparazioni culinarie. Le foglioline giovani e tenere, appena raccolte, si gustano crude in insalata. Cotte al vapore, lessate o passate in tegame, le foglie sono un ottimo contorno, condite con olio d’oliva e limone, oppure insaporite con aglio, o passate in padella con il burro e una spolverata di formaggio. Oppure, in un piatto semplice, rapido, nutriente e saporito…

Tortino con spinaci

Ingredienti
5 uova
100 g di spinaci
50 g di pane grattuggiato
100 g di formaggio emmental grattugiato o parmigiano
40 g di burro
sale e pepe

Preparazione
Mettete una padella antiaderente a riscaldare e aggiungete 10 g di burro, fondetelo e scottate gli spinaci freschi. Se lo gradite, potete insaporire maggiormente tostando sottili fette di scalogno nel burro prima di mettere gli spinaci nel tegame. Prendete le uova e rompetele in una terrina, salate, pepate e con l’aiuto di una frusta sbattetele bene, dopodichè incorporate il formaggio, il pane e gli spinaci. Mescolate bene e versate il composto in una teglia precedentemente imburrata e cosparsa di pane grattuggiato. Portate il forno a 180°, infornate e cuocete per 15 minuti. Potete servire il tortino caldo oppure anche freddo e tagliato a tocchetti, come aperitivo o snack.

Il consiglio degli esperti GESAL
Gli spinaci si possono seminare sotto tunnel o in vasi e cassette con Gesal Terriccio Universale, ma vanno tenuti al riparo dal gelo. Quando le piantine sono germogliate si possono concimare con Gesal Concime Liquido Sangue di bue. Per proteggerli dall’attacco di lumache, un aiuto efficace è Gesal Polvere di Roccia, corroborante e potenziatore della resistenza delle piante, a base di argilla sepiolitica naturale. Il prodotto è ammesso in agricoltura biologica.

Per ogni dubbio o quesito, Gesal può aiutarti: consulta ora i nostri esperti!

Lascia il tuo commento