Profumato e saporito, il rosmarino è anche molto decorativo in vaso e in giardino. Ecco i consigli per utilizzare al meglio questa bella pianta mediterranea che resiste bene anche al Nord.

La coltivazione del rosmarino è una delle più semplici: questa pianta splendida, generosa e robusta è davvero facile. Il rosmarino in vaso decora il balcone e in giardino può essere usato anche come siepe; oltre al rosmarino classico ci sono anche varietà particolari e molto belle.

Una pianta preziosa
Nella cucina italiana ci sono piatti che, cucinati senza il rosmarino, sembrano impossibili. Questo arbusto mediterraneo offre un aroma straordinario e particolare, così legato agli ambienti costieri di cui è originario che i Romani lo battezzarono ros marinus, rugiada del mare.

In realtà il rosmarino cresce quasi ovunque, anche nelle zone fredde di collina: basta un angolo soleggiato, esposto a Sud e non troppo umido, e lo si vedrà crescere generoso senza alcuna cura.

Anche per la salute è una pianta preziosa perché ha efficacia contro diversi disturbi, aiuta nella prevenzione, migliora le funzioni del cervello ed è il simbolo del ricordo (proprio perché aiuta efficacemente la memoria): regalarne una bella pianta significa dire “ricordati di me”.

Rosmarino, la coltivazione in vasi e ciotole
Pianta molto facile, ha bisogno di vasi profondi e di sole; va concimata moderatamente e innaffiata solo quando il terriccio è asciutto. In giardino può essere impiegata per ottenere siepi basse o di media altezza: tollera le potature che anzi aiutano a contenere lo sviluppo disordinato e mantenere la pianta compatta.

La fioritura del rosmarino avviene tra fine inverno e primavera, talvolta i fiori si ripresentano sporadicamente anche in estate o autunno. Sono anch’essi commestibili: usateli per condire e decorare insalate, carpaccio di carne, pesce bianco.

Scegliere le varietà di rosmarino
• Sui muretti e alla ringhiera provate il rosmarino ricadente: è profumatissimo e fiorisce in modo spettacolare tra febbraio e maggio. Esiste in diverse varietà anche nane, con rami ricadenti e ricchissima fioritura primaverile.
• Il rosmarino a fiore bianco ha portamento compatto, ottimo in vaso
• La varietà “Israeli”, nota anche come rosmarino americano, ha le foglie aghiformi molto grandi, anche la pianta ha dimensioni importanti, bella come cespuglio ornamentale o in grandi vasi
• Per chi cerca qualcosa di speciale c’è il rosmarino “Blue Boy”, piccola pianta con foglioline minuscole e appuntite, intensamente profumate, ricchissima fioritura blu intenso.
• Il rosmarino “Sissinghurst” è una varietà ottenuta in Inghilterra, con bei fiori blu e portamento eretto, ottimo in vasi profondi, resiste molto bene al freddo umido
•Esiste una varietà dal profumo speziato, “Punta di Cannelle”, che porta nei piatti una fragranza particolare, mentre la “Farinole” ha il profumo accentuato da un aroma che ricorda l’olio di pino. C’è persino un rosmarino che ricorda l’odore di limone, si chiama “Arp”.

Il consiglio degli esperti GESAL
Dopo l’acquisto il rosmarino, di qualunque tipo, va subito rinvasato in un contenitore piuttosto grande e profondo utilizzando il substrato Gesal Terriccio Piante aromatiche ricche ha una consistenza e una composizione ideale, con torba e pregiato humus vegetale.
Il rosmarino cresce anche senza concime, ma se in primavera viene aiutato si ottiene uno sviluppo vigoroso: il concime da utilizzare è Gesal Nutrimento con Sangue di Bue, idoneo per tutte le erbe aromatiche e gli ortaggi.

Per ogni dubbio o quesito, Gesal può aiutarti: consulta ora i nostri esperti!

Lascia il tuo commento