La frutta natalizia e le verdure invernali come augurio di buona fortuna, benessere e prosperità nell’anno nuovo: ecco un bel modo per dire “Auguri!” e per portare fortuna in vista del 2017.

Il piacere della tavola è una delle grandi virtù del nostro bellissimo Paese, dove basta fare qualche chilometro per scoprire riti gastronomici natalizi diversi. Qualunque sia la vostra scelta per i giorni delle Feste. menu classico o innovativo o vegetariano, la regola è quella di porre in primo piano la ricerca della qualità e prevedere sempre tanta verdura e tanta frutta fresca di stagione. I vegetali, meglio ancora se freschissimi e crudi, aiutano ad affrontare e digerire bene anche i piatti più impegnativi suggeriti dalle tradizioni familiari e regionali.

Di pesce, di carne o vegetariano, il menu delle Feste può essere anche molto semplice purché cucinato con attenzione e servito con cura: l’atmosfera è importante quanto ciò che c’è nel piatto. E spesso anche la ricetta più banale prende un aspetto invitante se servita con fantasia…

Preparate piatti allegri ma anche leggeri e veloci da preparare: per esempio, ricavate un cono da un pandoro e ricopritelo con pezzetti di frutta fissati da stecchini in modo da ottenere uno spettacolare albero di frutta, dal quale staccare saporiti pezzi di frutta fresca a fine pasto o come merenda. Preparate il vostro albero “gourmet” anche con altre ricette, per esempio i roll up di pasta o frittata con formaggio e prosciutto, oppure con pezzetti di formaggio.

Un’alternativa interessante è quella di utilizzare gli stampi a forma di albero di Natale o di stella per cucinare tortini di verdure o il “pesce di guerra”, così veniva chiamato il paté di tonno, patate e aromi (prezzemolo, scorza e succo di limone, peperoncino o altre spezie a scelta), da servire come antipasto. Negli stampi, di silicone o di metallo, si possono cucinare anche altre ricette a base di verdure, per esempio con carote e zucchine oppure con patate, peperoni e pomodori.

Ricetta: il gazpacho natalizio
Il gazpacho è una ricetta di origine spagnola: si tratta di una zuppa fredda di pomodori freschi con l’aggiunta di altre verdure a piacere (carote, sedano, prezzemolo, aglio, cipolla…). Preparate il gazpacho con la vostra ricetta preferita e rendetelo solido con l’aiuto di una bustina di gelatina. Versate il composto in uno stampo a forma di albero, fatelo solidificare bene in frigo per qualche ora e servitelo decorato a piacere (per esempio con fettine di mela tagliate a forma di stella e di cuore) per stupire gli ospiti con un antipasto insolito, fresco e appetitoso da accompagnare con pane tostato, intinto nell’olio extravergine di alta qualità e spolverato da una manciata di prezzemolo fresco.

Il consiglio degli esperti GESAL
• In inverno il prezzemolo continua a crescere nei vasi in serra sul balcone, o sotto tunnel nell’orto. Una volta al mese concimatelo con GESAL Nutrimento al Sangue di Bue; da marzo, la concimazione diventerà quindicinale.

Per ogni dubbio o quesito, Gesal può aiutarti: consulta ora i nostri esperti!

Lascia il tuo commento