La stella di Natale può restare bella dopo le Feste e rifiorire il prossimo anno: ecco come si fa.

La magnifica stella di Natale, nota anche come poinsettia, merita di essere ben curata per farla durare a lungo e persino vederla rifiorire nell’inverno 2017-2018. Per ottenere questo risultato basta seguire alcune regole base, che ci offriranno il piacere del suo splendido fogliame in estate e delle brattee (le foglie colorate) per il prossimo Natale.

Come conservarla bella a lungo
Il segreto della stella di Natale è semplice: la formazione di boccioli e la colorazione delle brattee avviene solo quando la luce diurna dura meno di 13-14 ore. Questo obiettivo viene raggiunto in serra tramite opportune tecniche di ombreggiamento a cui segue ogni giorno un periodo di circa 10 ore di luce intensa. In questo modo, prima di Natale le stelle sono fulgide e bellissime, pronte per essere utilizzate come splendido segno di auguri.

In casa vive bene a temperature comprese tra 18 °C e 22 °C e con luce intensa ma non sole diretto. Non sopporta bene l’aria stagnante e carica di fumo; preferisce stanze ben ventilate, anche se non tollera le correnti d’aria fredda. Importante è non far mancare umidità: la pianta va posata su sottovasi con biglie d’argilla immerse in un velo d’acqua ed è molto utile vaporizzare acqua piovana o acqua minerale sulle foglie anche ogni giorno.

Come conservarla in estate e farla rifiorire
Verso febbraio-marzo iniziano a ingiallire e cadere le foglie basali: è il segnale che la pianta ha bisogno di un periodo di riposo. Rinvasate e tenete la pianta in piena luce ma senza concimare. A maggio, quando la pianta mostra segni di risveglio è necessario, se possibile, spostarla all’aperto in ombra e cominciare a concimare con un prodotto per piante verdi ogni 12-15 giorni; le benefiche docce sul fogliame devono proseguire con regolarità. La pianta non deve essere esposta al sole.

A ottobre e novembre, le concimazioni si sospendono e le irrigazioni vengono ridotte; la temperatura deve essere sotto i 18 °C. Durante le ore di luce la pianta deve rimanere in posizione luminosa, ma è necessario spostarla ogni giorno in luogo buio (armadio, sgabuzzino), oppure coprirla con un foglio di polietilene nero per 14-15 ore (dalle 5 del pomeriggio alle 8 del mattino). Attenzione: qualsiasi interruzione del programma può compromettere la formazione delle gemme che danno vita alle foglie colorate. Le foglie apicali iniziano a colorarsi a fine novembre-dicembre e la poinsettia sarà in fiore per Natale o in gennaio.

Va ricordato che il lattice emesso dagli steli può risultare irritante per le pelli delicate: conviene quindi indossare sempre i guanti quando ci si prende cura della poinsettia.

Il consiglio degli esperti GESAL
GESAL Concime Liquido Universale è la soluzione ideale per concimare la stella di Natale nel periodo invernale. In primavera-estate, per aumentare e migliorare la produzione di foglie è utile Gesal Concime Liquido Piante Verdi, da fornire ogni 12-15 giorni. Al momento del rinvaso primaverile, il substrato da impiegare è Gesal Terriccio Universale, ricordando di porre sul fondo del contenitore (che deve essere dotato del foro di uscita dell’acqua) una manciata di biglie d’argilla per favorire il drenaggio dell’acqua ed evitare che il terriccio rimanga fradicio a lungo.

Per ogni dubbio o quesito, Gesal può aiutarti: consulta ora i nostri esperti!

Lascia il tuo commento