10 regole d’oro per risparmiare acqua

Rispettare la natura e l’ambiente in cui viviamo significa anche mettere in campo tutti gli accorgimenti utili per evitare gli sprechi idrici, risparmiando così anche tempo e denaro. Ecco 10 consigli utili per risparmiare acqua in balcone, terrazzo, giardino.

1. Utilizzate terriccio fertile. Un suolo fertile è meno soggetto a rapida disidratazione. Per i rinvasi e per preparare le aiuole in giardino utilizzate i terricci Gesal: contengono elementi nutritivi che sono di supporto alla crescita. Per le piante in balcone (vasi, cassette, vasche) si impiega Gesal Terriccio Gerani e Piante fiorite; per basilico, rosmarino e ortaggi c’è Gesal Terriccio Piante Aromatiche, ideale anche per i peperoncini.

Terriccio per gerani

Terriccio per gerani

2. Mantenete il terriccio fertile. Il terriccio Gesal soddisfa le necessità di nutrimento nelle prime fasi, ma in seguito dovrete provvedere a conservare la fertilità del suolo perché in questo modo il substrato sarà meno soggetto alla disidratazione rapida. Utilizzate i concimi liquidi Gesal per le piante in vaso e quelli in granuli per grandi vasche e piena terra. Nei piccoli vasi è pratico l’impiego di Gesal Concime universale in Bastoncini che rilascia i principi nutritivi per un lungo periodo, fino a 100 giorni.

Concime universale bastoncini

Concime universale bastoncini

3. Mantenete il terriccio umido. Il gel Gesal Oasi la Riserva d’acqua, composto dal 97% di acqua addensata con fibre naturali (cellulosa), riduce la frequenza delle innaffiature garantendo fino a 30 giorni di autonomia delle piante.

Gel per piante

Gel per piante – Oasi riserva d’acqua

4. Proteggete la superficie del terreno. Non lasciate mai il suolo nudo, che favorisce l’evaporazione rapida. Nei vasi di media  e grande dimensione e in giardino proteggete la superficie del terreno con uno strato di Gesal Corteccia. Nei vasi piccoli potete usare sassolini e ghiaia fine.

Corteccia

Corteccia

5. Create le condizioni per assorbire bene l’acqua. Create delle conchette intorno al fusto di alberi e arbusti, scavate dei canaletti vicino alle radici di fiori e ortaggi in aiuola. I vasi e cassette non devono essere troppo pieni di terra, in modo che si possa innaffiare evitando la fuoriuscita dal bordo. Nei vasi potete mettere, in fase di rinvaso, uno strato di argilla che aiuterà a mantenere meglio l’umidità nei periodi di maggiore necessità.

6. Utilizzate i sistemi di irrigazione a goccia. Installate nei vasi e aiuole, e nell’orto, un impianto automatico a goccia o con tubo poroso, comandato da una centralina ed eventualmente collegato a un sensore di umidità per bloccare l’innaffiatura se il suolo è sufficientemente umido e non ne ha bisogno. Oltre a risparmiare acqua, otterrete un risparmio di tempo e di fatica.

7. Innaffiate negli orari giusti. Bagnate le piante, in vaso e in giardino, nelle ore serali o di prima mattina, quando c’è minore shock termico per le radici e l’acqua viene assorbita meglio; nelle ore centrali il sole provoca la rapida evaporazione, disperdendo subito una significativa quantità di acqua.

8. Innaffiate in base alle reali esigenze delle piante. Quasi tutte le piante da balcone e da orto non amano avere le radici immerse in un terriccio costantemente fradicio; se l’acqua ristagna nel sottovaso per più di mezz’ora occorre diradate le innaffiature o fornite meno acqua.

9. Utilizzate vasi profondi. In pieno sole, e se avete poco tempo, preferite vasi e cassette profondi, meglio se in materiale sintetico (nella terracotta la disidratazione del suolo può essere più rapida, soprattutto in presenza di vento). I vasi con riserva d’acqua migliorano la ritenzione di umidità nel terreno.

10. Utilizzate piante adatte. Scegliete gli arbusti che resistono al caldo e al vento, come oleandro, rosmarino, ibisco di Siria, nandina, pittosforo, alloro; fra le piante da fiore ci sono gazania, portulaca e bella di notte, che resistono bene al caldo.

Per ogni dubbio o quesito, Gesal può aiutarti: consulta ora i nostri esperti!

Lascia il tuo commento